Igiene Orale

Pulizia dei denti: l'importanza dell'igiene orale e della prevenzione

Le più comuni malattie dei denti sono le carie e le malattie parodontali.

La carie è un processo morboso che colpisce, attraverso l’azione lesiva di batteri, i tessuti duri del dente [smalto e dentina], provocandone la distruzione.

Il fatto, però, che a questa aggressione batterica consegua carie dentale è favorito da una serie di numerose concause tra le quali citiamo come più importanti:

  • scarsa pulizia dei denti con conseguente accumulo di placca e tartaro;
  • assunzione con la dieta di dolci e zuccheri;
  • composizione della flora batterica orale con presenza di ceppi particolarmente aggressivi [ad esempio Streptococco mutans];
  • acidità della saliva;
  • mancanza di fluoro;
  • debolezza costituzionale dello smalto;
  • insufficiente attività delle difese del nostro organismo [apparato immunitario] dovuta a stress, gravidanza, malattie sistemiche, etc.

Il fatto, perciò, che la carie non sia riconducibile ad un’unica causa rende particolarmente difficile se non impossibile la messa a punto di efficaci misure preventive di massa.

La malattia parodontale è, invece, una patologia che colpisce il parodonto ovvero gli organi che danno stabilità ai denti quali osso, legamenti e gengiva.

Se non viene curata può portare ad una sempre maggiore mobilità degli elementi dentali fino alla loro perdita.

La causa principale è l’accumulo batterico sotto forma di placca e tartaro sopra e sottogengivali i cui effetti, tra i quali si ha anche l’alitosi, sono spesso potenziati da una predisposizione genetica.

Dal momento quindi che entrambe queste grandi famiglie di patologie, che rappresentano la stragrande maggioranza dei problemi dentali, presentano tra le loro cause principali un’insufficiente igiene orale, ne deriva che un adeguato piano di prevenzione deve assolutamente prevedere il raggiungimento ed il mantenimento di un buon livello di quest’ultima.

La figura professionale cui sarà affidata l’igiene e la prevenzione dei vostri denti è quella ormai indispensabile dell’igienista dentale, la quale vi aiuterà a seguire quelle norme elementari che ciascuno può mettere in pratica con successo anche a domicilio, purché disponga di costanza e buona volontà e partecipi ai controlli periodici.

La nostra segreteria provvederà ad inviare i richiami con le modalità da voi indicate (SMS, lettera, telefonata, mail), secondo un piano di scadenze prestabilito e personalizzato.

Igiene orale

Prevenzione orale in 5 mosse

Ecco le basi fondamentali del metodo di prevenzione Clindent:

Igiene professionale:

  • istruzione e motivazione del paziente sia di adulti che di bambini per i quali svolgiamo un apposito corso in studio: dopo aver evidenziato la presenza in bocca di placca che viene colorata con apposite pastiglie rivelatrici, si passa a sottolineare la composizione batterica della placca ed infine a conoscere ed usare gli strumenti – come spazzolini tradizionali, dentifrici, fili interdentali, scovolini, spazzolini mono-ciuffo – per combatterla e impedire quindi anche la formazione di tartaro, formato da depositi di placca calcificata;
  • prestazioni effettuate dall’igienista: le più importanti sono certamente la detartrasi, ossia la rimozione del tartaro tramite strumenti sonici, ultrasonici e manuali e la levigatura radicolare; viene cioè pulita e “ lisciata” la radice sotto-gengiva con appositi strumenti quali curettes e scalers;
  • fluoroprofilassi: è stato ormai dimostrato il ruolo cario-protettivo sostenuto dal fluoro. Può essere somministrato per via generale attraverso compresse somministrate soprattutto in gravidanza e nei bambini), oppure può essere utilizzato per via locale sotto forma di lacche o di applicazioni di gel veicolato tramite ionoforesi.
  • sbiancamento dentale [bleaching]: si può effettuare sia a domicilio che in studio, attraverso l’applicazione di un gel di perossido di carbammide, assolutamente atossico, ma usato a concentrazioni diverse [10 % a casa e 35 % in studio]; a casa deve essere applicato per circa 6 ore al giorno su particolari “mascherine” costruite sull’impronta del paziente mentre in studio viene applicato sui denti anteriori, isolati con diga di gomma, e accuratamente puliti con spray di bicarbonato di sodio) per circa 30 minuti a seduta [sono necessarie almeno 2 o 3 sedute]. In questo caso l’azione è potenziata dalla luce di una particolare lampada.
  • sigillatura dei solchi dentali: si effettua soprattutto nei bambini; consiste nel “riempire” a scopo preventivo e con materiali adeguati, i solchi e le fessure molto accentuate dei denti definitivi dei settori posteriori [molari e premolari] appena “ spuntati “, e quindi non ancora intaccati dalla carie.

Igiene domiciliare: fondamentale risulta l’impegno e l’applicazione a casa del paziente il quale deve assolutamente comprendere che qualsiasi trattamento orale anche il più perfetto necessita di manutenzione quotidiana che può essere svolta solo personalmente.

Visite periodiche di controllo gratuite: necessarie affinché gli operatori possano intervenire prevenendo potenziali problemi e limitando così l’invasività dei trattamenti.

Scrivici

tutti i campi indicati con il * sono obbligatori