dentista

Mal di denti: le 9 cause più comuni

sorriso-smagliante-min

Introduzione

Il motivo principale per cui si va dal dentista è da sempre il mal di denti.

Alcune volte, quando un dente fa male, il dolore diventa insopportabile e fastidioso, altre volte inizia con fitte e spasmi per poi diventare acuto, intenso e “pulsante” ma, in tutti questi casi, per risolverlo serve l’aiuto del dentista.

Vediamo insieme quali sono le principali cause del mal di denti e perché bisogna fare di tutto per evitare inutili sofferenze.

In linea generale, il dolore ai denti può essere dovuto a:

  1. carie profonda;
  2. nevralgie;
  3. ipersensibilità al caldo e al freddo;
  4. ascesso dentale;
  5. gengivite o infezioni alle gengive;
  6. denti rotti o scheggiati;
  7. parodontite;
  8. nascita dei denti del giudizio;
  9. dolori muscolari dovuti a cause esterne.

Entriamo nel dettaglio ricordando però che non bisogna mai fare un’autodiagnosi su cosa prendere per curare il mal di denti ma è indispensabile consultare sempre un dentista che saprà indicare i giusti rimedi per risolvere il problema.
Torna in cima

Carie ai denti

specchio-per-carie-dentale-min

La carie è una malattia degenerativa che colpisce i tessuti duri del dente. All’inizio, non sempre fa male ma, se non viene diagnosticata per tempo, si estende gradualmente fino alla polpa – ricca di terminazioni nervose – e provoca dolore acuto e improvviso che si manifesta soprattutto quando si assumono alimenti acidi o dolci ma anche caldi o freddi.

In questi casi si può parlare di pulpite, una patologia che può essere provocata oltre che dalla carie, anche da traumatismi occlusali.
Torna in cima

Nevralgie

Il dolore da nervo è in genere un dolore difficile da riconoscere e da attribuire a un singolo dente perché in alcuni periodi sembra scomparire.

Di solito una nevralgia provoca fitte che partono dalla tempia o dall’orecchio e si diffondono fino alle labbra. Chi soffre di questi sintomi deve subito segnalarlo all’odontoiatra.

Una visita va fatta anche quando il dolore sembra scomparire per riuscire a definire per tempo se la nevralgia dipende da una carie, una devitalizzazione, un rigonfiamento dei vasi sanguigni, una ciste oppure da una semplice carenza di sali minerali e un periodo di stress.
Torna in cima

Ipersensibilità dentale

Fitte, dolore acuto o pungente che insorge quando il dente entra in contatto con cibi caldi, freddi, acidi o ricchi di zuccheri, sono questi sintomi fastidiosi dovuti all’ipersensibilità dentale.

Le cause possono essere molteplici:  scorretta igiene orale, carie, denti scheggiati, gengivite, bruxismo, ecc.
Torna in cima

Mal di denti da ascesso

L’ascesso dentale, tendenzialmente causato dall’accumulo di batteri, plasma e detriti a carico delle gengive, della polpa dentale o della radice, è fastidiosissimo e, al contempo, facilmente riconoscibile: il dente colpito, infatti, sembra picchiettare e pulsare.

Sia chi soffre di ascesso periapicale (dovuto a una carie profonda), sia nel caso di un ascesso parodontale (conseguente a un accumulo di pus), prova un dolore intenso e persistente associato a gonfiore diffuso e a volte anche a febbre.
Torna in cima

Dolori gengivali

dolori-gengivali-sanguinamento-min

Questo tipo di dolenza deriva da un processo infiammatorio in atto che, a  volte, può essere accompagnato da arrossamento e sanguinamento delle gengive.

Queste ultime, infatti, sono più sensibili rispetto ai denti, alla placca batterica e alle aggressioni dei microrganismi presenti nel cavo orale.

La gengivite, se non guarita per tempo, può provocare conseguenze gravi quali gengive che si ritirano e parodontite.
Torna in cima

Denti rotti

Chi ha i denti scheggiati sa che da questo problema può scaturire un dolore molto forte.

I denti rotti, infatti, sono molto più sensibili degli altri e, soprattutto durante la masticazione, quando si morsicano gli alimenti o quando si mangiano cibi duri, il fastidio può accentuarsi e diventare acuto e pulsante al solo sfioramento del dente con la lingua.

Un dente incrinato, invece, comporta spesso un dolore sordo e difficile da localizzare dovuto a microfratture della dentina o dello smalto.
Torna in cima

Dolore ai denti e parodontite

dolore-da-ascesso-dentale-minCome sappiamo, la parodontite è molto pericolosa poiché è un’infezione batterica che provoca l’infiammazione dell’osso del dente, del cemento radicolare, del legamento parodontale e delle gengive con conseguente rischio di perdita del dente stesso. Chi soffre di questa patologia può avere ascessi dolorosissimi che necessitano di un intervento urgente da parte del dentista.
Torna in cima

Dente del giudizio

Quando uno terzo molare o dente del giudizio sta per spuntare, è normale sentire dolore. L’infiammazione parte della gengiva e si estende ai linfonodi della mandibola. Il mal di denti è così forte che può provocare sanguinamento, infezioni, ascesso, carie, formazione di tasche gengivali ma anche parodontite.
Torna in cima

Mal di denti provocato da fattori esterni

sinusite-e-dolore-dentale-minEbbene sì, a volte il mal di denti non dipende solo da infezioni, traumi o infiammazioni del cavo orale, bensì da problemi esterni che solo l’esperienza di un buon odontoiatra può individuare. Ecco qualche esempio:

  • otalgia e mal di orecchi;
  • stress eccessivo e digrignamento dei denti;
  • mancanza di sali minerali.

Non si dimentichi, inoltre, che la sinusite acuta o cronica può simulare il mal di denti nell’arcata superiore per colpa della vicinanza delle radici dei denti con i seni mascellari. In questo caso il dolore si intensifica quando si compie qualche sforzo ed è spesso accompagnato dal senso di pesantezza dello zigomo.
Torna in cima

Come prevenire il mal di denti

Chi ha provato il mal di denti almeno una volta nella vita sa di cosa stiamo parlando e perché, quando possibile, è molto meglio prevenirlo! Ma, come fare? Prima di tutto non trascurando mai l’igiene orale quotidiana. Dopo ogni pasto, lavare sempre i denti con spazzolino e dentifricio, passare il filo interdentale per rimuovere i residui di cibo tra un dente e l’altro e poi fare uno sciacquo con un buon collutorio. Limitare il consumo di alimenti ricchi di zucchero e bevande alcoliche; ridurre il fumo e ricordarsi di effettuare una pulizia dentale professionale dal vostro dentista di fiducia due volte l’anno in abbinamento a una visita odontoiatrica di controllo.
Torna in cima

CHIAMA ORA GRATUITAMENTE

800 010222

Copyright @ Clindent