dentista

Che cos’è la malocclusione dentale?

malaocclusione-dentale

La fortuna di avere denti perfettamente allineati è riservata a una piccolissima percentuale di persone.

La maggior parte, purtroppo, tende a soffrire di malocclusione dentale, problematica che a volte si presenta in forma così lieve da essere riconosciuta solo dal dentista e in altre, invece, provoca nel paziente difetti estetici e disturbi fisici evidenti.

Nello specifico, quando sussiste un rapporto anomalo tra i denti della mandibola e quelli della mascella, ovvero quando le arcate dentarie superiore e inferiore non si chiudono correttamente, si parla di malocclusione.
Torna all’indice

I 3 tipi di malocclusione

Questa patologia può presentarsi in tre diverse forme:

  1. malocclusione di prima classe: la più lieve. In questo caso, i sintomi connessi sono principalmente estetici;
  2. malocclusione di seconda classe: la più diffusa. L’arcata superiore è più sporgente di quella inferiore e i sintomi sono di natura medica ed estetica. Può essere di due sottotipi: prima divisone, quando i denti incisivi sono in proclinazione e seconda divisione, quando invece sono in retroclinazione;
  3. malocclusione di terza classe: la più grave. Le problematiche connesse sia estetiche, sia di salute, sono molto evidenti e l’arcata inferiore è più sporgente di quella superiore.

In aggiunta a queste tre classi, si associano spesso anche:

  • il morso profondo, quando gli incisivi dell’arcata dentaria superiore sporgono più del normale fino a coprire quelli dell’arcata inferiore;
  • il morso aperto, che si contraddistingue da spazi ampi e ben visibili tra le due arcate dentali dovuti al loro mancato contatto;
  • il morso inverso o incrociato, patologia molto comune soprattutto nei bambini, la cui caratteristica è quella di avere i denti superiori più arretrati rispetto a quelli inferiori.

Torna all’indice

Malocclusione dentale: cause e sintomi

Una volta chiarito di cosa si tratta, è normale chiedersi perché questa problematica sia tanto diffusa, quali siano le cause principali e come curare la malocclusione in maniera definitiva.

Ecco tutte le risposte.

Le cause

A parte il fattore ereditario o genetico che da sempre è uno dei motivi più comuni, questa anomalia strutturale della bocca può essere acquisita, ovvero dipendere da comportamenti scorretti o da altre patologie in essere, quali:

  • l’abitudine dei bambini di succhiarsi il pollice e l’uso prolungato di ciuccio e biberon;
  • il bruxismo, ovvero l’atto involontario di stringere e digrignare i denti durante il sonno o in situazioni di stress;
  • gli errati interventi odontoiatrici, che provocano difetti di masticazione;
  • il vizio di spingere la lingua contro i denti;
  • la presenza di elementi dentali gravemente scheggiati;
  • I tumori della bocca e della mandibola;
  • la caduta di uno o più denti, specie se permanenti;
  • le fratture mandibolari non correttamente saldate;
  • l’artrite reumatoide.

I sintomi

Chi soffre di malocclusione dentale, a seconda della gravità del caso specifico, può risentire di uno o più sintomi estremamente variabili. Tra i più comuni vanno segnalati:

  • la differenza di dimensioni tra le arcate dentali e la conseguente asimmetria del viso;
  • il sovraffollamento dei denti;
  • le anomale dimensioni della mascella che possono essere troppo elevate o troppo ristrette;
  • la difficoltà nella masticazione;
  • l’aumento del rischio di carie e gengivite;
  • la difficoltà di respirazione che si traduce nella tendenza a respirare con la bocca aperta;
  • la tosse e la rinosinusite cronica;
  • l’asma o la bronchite;
  • la formazione di acufene, otalgia e ronzio alle orecchie;
  • la sensazione di vertigine;
  • il mal di schiena e i dolori alla colonna vertebrale;
  • il dolore cervicale e le nevralgie;
  • le ripercussioni sulla postura poiché l’apparato masticatorio è collegato a essa attraverso il nervo trigemino;
  • la difficoltà fonetica e di linguaggio.

Non si dimentichi inoltre che, la malocclusione dentale può provocare anche l’aumento del rischio di parodontite o piorrea, grave patologia che, nei casi avanzati, porta alla perdita dei denti.
Torna all’indice

malaocclusione-cause-sintomi

Malocclusione dentale: le soluzioni

Una volta diagnosticata la malocclusione e individuata la classe di appartenenza, è fondamentale valutare assieme al proprio dentista il modo migliore per intervenire.

Come accennato all’inizio, nei casi più lievi, quando non sussiste alcun sintomo e l’anomalia è impercettibile, non sono richieste né misure cautelative, né un intervento specifico che, invece, risulta indispensabile quando questo disturbo si presenta in una forma più rilevante e fastidiosa.

Nei casi di malocclusione di media entità, le cure possibili sono:

  1. ortodonzia correttiva. L’intervento prevede l’applicazione di un apparecchio fisso o mobile e può essere effettuato anche in età adulta. Gli apparecchi per i denti possono essere invisibili [tipo Invisalign], linguali, in ceramica oppure classici in metallo;
  2. Estrazione dentale. Quando uno o più molari oppure uno o più denti del giudizio, spingono gli altri e causano l’affollamento dei denti, diventa necessario procedere con l’asportazione del/dei denti incriminati;
  3. Correzione delle abitudini che provocano il disturbo. Parliamo, ad esempio, di chi soffre di bruxismo, che necessita di utilizzare bite o apparecchi passivi per facilitare la masticazione, oppure dei bambini che devono essere educati a smettere di succhiarsi il pollice o utilizzare biberon.

Quando la malocclusione dentale è grave o di origine genetica con evidente morso alterato, mandibola o mascella storta, gli interventi sopra descritti non bastano e si rende necessario effettuare un’operazione chirurgica di allungamento o accorciamento mandibolare.

La gravità della malocclusione varia da paziente a paziente pertanto, per definire se è necessario intervenire oppure no, è fondamentale far valutare la propria situazione da un dentista di fiducia e non sottovalutare mai nessun sintomo.
Torna all’indice

CHIAMA ORA GRATUITAMENTE

800 010222

Copyright @ Clindent