dentista

Scacco matto ai denti sensibili in 7 mosse

denti-sensibili-gelato-min

Soffrire di sensibilità dentale è un problema molto comune, spesso sottovalutato, che colpisce uomini e donne di tutte le età.

È dovuto all’esposizione della dentina – una parte del dente interna e molto ricettiva poiché attraversata dalle fibre nervose – con l’ambiente orale. La dentina, in situazioni normali, è protetta dallo smalto ma se per diversi motivi esso si assottiglia, gli stimoli esterni riescono a raggiungerla.

Si parla di denti sensibili al caldo e al freddo quando, entrando in contatto con cibi e bevande calde, fredde, dolci o particolarmente acide, provocano una sensazione di dolore intenso e transitorio.

Chi soffre di sensibilità o ipersensibilità dentale può, a volte, sentire male anche solo inspirando aria fredda, masticando o spazzolando i denti con troppa forza.

Data la diffusione di questa patologia, è molto importante conoscerne le cause, i rimedi più adatti per curarla in tempi celeri ma, soprattutto, capire come prevenirla.
Torna all’indice

Le 11 principali cause dei denti sensibili

Forse non tutti sanno che al primo posto tra le cause del mal di denti negli adulti di età compresa tra i 20 e i 40 anni, c’è proprio la sensibilità dentale.

Ma, come fa la dentina a perdere la sua naturale protezione ed entrare in contatto con l’esterno? Le motivazioni sono molteplici:

  1. Eccessivo spazzolamento dei denti. Quando si puliscono i denti in modo scorretto, si usa troppa forza o uno spazzolino con setole dure si possono, involontariamente, provocare delle abrasioni che indeboliscono il dente e formano delle microfessure;
  2. Carie. I batteri aggressori, in caso di carie, stremano la dentina e aumentano la possibilità di avere denti sensibili al freddo e al caldo;
  3. Uso smisurato del collutorio che può contenere sostanze chimiche o alcol;
  4. Aver subito un intervento ai denti o avere denti scheggiati. Entrambi i casi, a volte, generano problemi di ipersensibilità dentale che non sono solo temporanei;
  5. Gengivite o recessione gengivale;
  6. Consumo di cibi acidi tipo salsa di pomodoro, yogurt, succhi di frutta e agrumi che possono provocare l’erosione dentale;
  7. Digrignamento dei denti. Chi soffre di bruxismo, nel tempo può ritrovarsi con lo smalto rovinato;
  8. Utilizzo di dentifrici sbiancanti e aggressivi o uso di dannose soluzioni “fai da te” per sbiancare i denti;
  9. Soffrire di parodontite, malattia che provoca il ritiro della gengiva e l’esposizione delle radici dentali;
  10. Mancato uso del filo interdentale, scorretta igiene orale e presenza di tartaro e placca. Quando quest’ultima si accumula, lo smalto si deteriora;
  11. Denti indeboliti e consumati a causa della vecchiaia o della mancanza di calcio.

Torna all’indice

Sensibilità dentale in gravidanza

Una donna può facilmente soffrire di sensibilità dentale durante la gravidanza, a causa dall’aumento dei livelli di estrogeni [ormoni] che possono infastidire anche il cavo orale.

Sempre per lo stesso motivo la composizione della saliva si può modificare e questo aumenta il rischio di accumulo di placca e tartaro così come la formazione di gengiviti e carie.

Anche la nausea frequente e il vomito dei primi mesi facilitano il consumo dei denti e possono dare origine alla sensibilità dentale.

Come evitare che questo accada? Sicuramente avendo cura della propria igiene orale in gravidanza e sottoponendosi a visite dentistiche di controllo.
Torna all’indice

Rimedi per i denti sensibili

La sensibilità dentale, come abbiamo visto, determina un dolore molto forte ma facilmente riconoscibile anche perché di breve durata – è legato al contatto dei denti con il caldo e il freddo – e circoscritto solo nell’area dei denti interessati.

Molto spesso si tende a curarla con metodi naturali non sempre validi quali: sciacqui con bicarbonato di sodio sciolto in acqua, massaggi con oli essenziali, gargarismi con acqua e sale o impacchi di estratto di vaniglia.

I rimedi “fai da te” possono essere un palliativo ma non la soluzione.

La prima cosa da fare è sicuramente scegliere uno spazzolino con setole morbide, ridurre il consumo di cibi acidi, utilizzare prodotti che contengono fluoro e uno specifico dentifricio per denti sensibili.

Ma, se anche questo non basta, diventa necessario andare dal dentista il quale, dopo una visita approfondita, individuerà le cause che hanno provocato l’ipersensibilità e suggerirà i rimedi professionali e domiciliari più adatti. Tra i principali:

  • l’applicazione sulla parte interessata di fluoruro di sodio in gel o in soluzione orale;
  • l’utilizzo del fosfato di calcio;
  • l’uso di resine e adesivi da apporre sulla zona colpita;
  • l’utilizzo di nitrato di potassio presente anche in alcuni dentifrici specifici;
  • la terapia Laser Yag associata ad applicazioni di fluoruro di sodio per chiudere i tubuli dentinali.

Torna all’indice

Quanto conta la prevenzione

Il detto “prevenire è meglio che curare” è da sempre una verità assoluta che vale anche nel caso della sensibilità dentale, problema che può influenzare negativamente la vita di tutti giorni oltre a impedire la normale alimentazione.

Cosa fare per evitare di avere denti sensibili?

  1. Scegliere uno spazzolino con le setole medie o morbide per limitare la recessione delle gengive;
  2. usare correttamente il filo interdentale per rimuovere la placca tra i denti;
  3. curare l’eventuale reflusso gastrointestinale ed evitare di mangiare alimenti e bevande acide;
  4. avere cura della propria igiene orale personale lavando i denti 3 volte al giorno, facendo attenzione alle zone più nascoste e utilizzando il collutorio per denti sensibili;
  5. evitare l’assunzione eccessiva di zuccheri e di bevande gassate;
  6. prediligere dentifrici a base di nitrato di potassio e fluoruro di sodio, perfetti per combattere la sensibilità dentale;
  7. sottoporsi a sedute di igiene professionale e a visite di controllo periodiche dal dentista.

La sensibilità dentale causa parecchio dolore, per questo nessuno vorrebbe mai provarla. Essere attenti alla salute della bocca, allora, è il primo passo per evitare questo fastidioso disagio.
Torna all’indice

CHIAMA ORA GRATUITAMENTE

800 010222

Copyright @ Clindent